LIGURIA – TOIRANO E LE SUE GROTTE

Le grotte di Toirano sono tra le più note in Liguria e sono sicuramente  un’attrazione per  tutti i turisti che scelgono di venire in Liguria, non solo per il clima mite, il bel mare e la buona cucina, ma anche per visitare le sue famose grotte

Grotte di Toirano 5     Grotte di Toirano 2

La comunità di Toirano risale al periodo medievale, anche se non mancano elementi a sostegno dell’ipotesi di insediamenti anteriori alla conquista romana e testimonianze della sua importanza in periodo imperiale. La via Julia Augusto, la cui costruzione segna il consolidamento della dominazione romana, non era lontana, e si è ipotizzato che una variante di riserva transitasse proprio nel territorio dell’attuale Toirano. Le caratteristiche medievali del borgo sono ancora oggi ben evidenti nel suo centro storico: i portici della piazza San Martino, i resti della porta di accesso, la torre meniate oggi campanile della parrocchiale, la contrada del «Torracco» e il palazzo del vescovo. Toirano fu infatti feudo e residenza estiva del vescovo di Albenga. Per secoli il suo territorio ospitò l’abbazia benedettina di San Pietro in Varatella, che nel XIV secolo si trasferì, affidata ai certosini, in una zona più accessibile, a nord dell’abita-to (la «certosa»). Importantissima fu l’influenza esercitata sull’attività economica, sullo sviluppo demografico e sulla vita sociale dei due ordini religiosi che promossero prima la diffusione della coltura dell’ulivo, poi una serie di attività industriali, dalla fabbricazione della carta a quella della polvere da sparo, dalla metallurgia alla produzione di olio d’oliva. Tutte queste attività ebbero un fondamentale supporto nei corsi d’acqua e nelle sorgenti particolarmente abbondanti nella valle. Mutamenti nelle condizioni politiche e di mercato portarono a un graduale abbandono delle attività industriali, ma rimase florida la produzione olivicola che, favorita dalla presenza di numerosi frantoi, consolidò la fama dell’olio di Toirano. Oggi la cittadina è famosa per le sue grotte, soprattutto quella della «Bàsura» che si snoda nelle viscere del monte San Pietro. Scoperta nel 1950, è stata oggetto di studio da parte di esperti internazionali (Lamboglia, De Lumley, Gewelt).

Grotte di Toirano 8     Grotte di Toirano 4

Deve la sua fama, oltre che alla bellezza delle varie sale e delle sue formazioni calcaree, ai ritrovamenti di impronte umane, di tracce di cerimonie sacrali, di cimiteri di Ursus speleus, risalenti all’ultima glaciazione. La Grotta della Usura, da alcuni anni collegata artificialmente alla Grotta inferiore di Santa Lucia e debitamente attrezzata, costituisce un circuito di grande attrattiva turistica. Per la morfologia carsica del complesso delle dolomie del San Pietro, alla Grotta della Bàsura si affiancano altre importanti cavità: la Grotta di Santa Lucia (trasformata in chiesa), la Grotta del Colombo e altre, anch’esse studiate approfonditamente. Degni di nota sono il Museo delle Grotte, in prossimità delle stesse, e quello della Civiltà Contadina, ricco di rari reperti e ben allestito nelle scuderie del Palazzo del Marchese.

Grotte di Toirano 3     Grotte di Toirano 9

Insomma, in Liguria non manca proprio nulla: i monti, il mare, la vita vivace della città, quella del tranquillo entroterra  e dei bellissimi borghi medioevali e innumerevoli attrazioni che fanno della Liguria una delle mete più ambite dai turisti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *